COME AREARE LA CASA ?

Come utilizzare i serramenti per areare la tua casa e vivere in un ambiente sano.

Ti preoccupi di quello che respiri ?

Anche se non vivi in riva al mare, e non ti è possibile respirare iodio ogni mattina, riuscirai a rendere l’ambiente in cui vivi uno spazio salubre.

In questo articolo imparerai come vivere in un ambiente sano. Come, quando e quanto utilizzare i tuoi serramenti per areare la casa in modo corretto.

 

Non ti parlerò di normative, metodi matematici, dimostrazioni accademiche. Semplificherò al massimo i concetti perché tu possa metterli in pratica appena terminata la lettura.

Lo faremo rispondendo a 3 semplici domande:

  1. Umidità e anidride carbonica, ovvero ?
  2. Perché possono diventare un problema ?
  3. Come utilizzare i serramenti per risolverlo ?

Umidità

L’umidità dell’aria che respiriamo non deve essere ne troppo bassa (secchezza vie respiratorie, rischi di infiammazioni) ne troppo alta (sensazione di troppo caldo o troppo freddo, sudorazione, problemi alle articolazioni).

Il problema sorge principalmente nel caso di elevata umidità quando l’aria si trasforma, passa allo stato liquido, diventa cioè condensa. Questo accade perché l’aria, calda e molto umida, entra in contatto con una superficie più fredda (vetro, piastrelle, davanzale in marmo, parete).

La condensa la noterai sui vetri delle finestre della cucina (quando stai cucinando), oppure sui vetri e sulle piastrelle in bagno (durante la doccia).

La cosa più importante che devi tenere a mente, è che la condensa diventa il posto ideale dove crescono le muffe.

Ci preoccupiamo di solito della formazione di muffa principalmente perché è antiestetica, è brutta da vedere. La muffa però oltre ad essere appiccicata sui muri è anche presente nell’aria; la stiamo respirando ma non ce ne accorgiamo.

Non sto ad elencare i danni provocati al nostro organismo dalle muffe, non è il mio compito; quello che devo dirti pero è che condensa e muffe, dentro casa tua, non ci devono stare !

Anidride carbonica

Durante la respirazione utilizziamo l’ossigeno trasformandolo in anidride carbonica. Una percentuale elevata di anidride carbonica negli ambienti non permette un comfort ideale e lo dimostrano i sintomi quali stanchezza, mancanza di concentrazione, insonnia.

Appare evidente che preoccuparsi dell’aria presente negli ambienti in cui vivi è veramente importante. E’ uno dei compiti principali del serramento perché ci consente di regolarne la qualità.

Vediamo come farlo a seconda della stagione, ovvero se primavera/estate (periodo caldo) oppure autunno/inverno (periodo freddo).

0minuti
Primavera/Estate

Durante il periodo estivo la temperatura esterna è molto elevata.

Ti consiglio di tenere chiuse le finestre sul lato soleggiato, magari con gli scuri/avvolgibili socchiusi per impedire il surriscaldamento da irraggiamento, lasciando invece le finestre a nord/ovest aperte in posizione di ventilazione (a ribalta). Soprattutto se la casa è ben isolata, i muri manterranno una bassa temperatura aiutando a mantenere fresco l’ambiente.

Alla sera, quando il sole sarà tramontato (meglio ancora se prima di coricarti), ti consiglio di spalancare alcune finestre per 10-15 minuti, magari n posizione opposta fra loro , per creare un po di corrente d’aria; potrai così immettere aria nuova e fresca e permetterai anche ai muri di rinfrescarsi ( non è una battuta ! ). Durante la notte potrai lasciare alcune finestre in posizione di ventilazione (a ribalta);

Al mattino spalanca le finestre delle camere per 10 minuti, per eliminare l’anidride carbonica e l’umidità prodotta durante il sonno; come ti ho già spiegato, dovrai avere l’accortezza di chiudere poi soprattutto quelle sul lato soleggiato della tua casa.

0minuti
Autunno/Inverno

Nei periodi freddi, oltre al ricambio d’aria, dovrai anche fare attenzione a non raffreddare troppo gli ambienti disperdendo energia preziosa.

Adotterai quindi una strategia diversa.

Ti consiglio di spalancare, anche in questo caso, alcune finestre, però per un tempo più breve,  5 minuti circa.

Fallo nel periodo più caldo della giornata, di solito verso mezzogiorno. Lo puoi fare più volte in una giornata, soprattutto anche al mattino, per i motivi che ti ho già spiegato.  Spalancando le finestre per breve tempo permetterai il ricambio d’aria evitando però che i muri si raffreddino. Una volte chiuse le finestre, la temperatura tornerà in breve tempo al livello iniziale.

Evita di utilizzare la posizione di ventilazione (a ribalta) nei periodi invernali; essa infatti non permette un ricambio d’aria efficace ma piuttosto una dispersione di energia.

Ti è piaciuto ? Seguici su Google+ e Facebook !

“Segui” o “Mi Piace”, è facile, e rimarrai aggiornato.

In casi eccezionali, l’utilizzo dei soli serramenti non sarà sufficiente ad ottenere un ricambio d’aria efficace. Ci sono ulteriori problemi che potrebbero complicare la situazione. Anche in questo caso c’è però la soluzione.

Ne parleremo in uno dei prossimi articoli.

Come ti sarai reso conto, il serramento non ha solo la funzione di isolamento », ma è anche un prezioso alleato dei nostri polmoni !

Continua a seguire Window Blog »; troverai nuovi consigli utili per la vita di tutti i giorni.

Window Blog è nato per creare contenuti utili per te (non per me)... Hai qualche dubbio, richiesta, consiglio?

(scrivi un tuo commento nel form sotto)
HAI BISOGNO DI AIUTO?
Per qualsiasi dubbio o chiarimento, inviami una Tua richiesta.
Me ne occuperò personalmente.
* campi richiesti
Odio lo SPAM.
I tuoi dati sono al sicuro.